fbpx

lo sfincione, un'icona dello street food di palermo

Lo Sfincione, in dialetto “u spinciuni”, è uno degli street food più rinomati di Palermo e rappresenta insieme agli arancini e alle panelle uno dei simboli culinari della città. A Palermo lo si trova in ogni angolo, dai mercati alle friggitorie e fa parte delle ricette più tradizionali e amate della città siciliana tanto che è stato inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT).

In passato lo sfincione veniva preparato principalmente durante il periodo natalizio e per importanti eventi, mentre oggi ormai si mangia tutto l’anno.

La tradizione, però, vuole che lo sfincione non manchi mai a tavola nelle cene palermitane della Vigilia dell’Immacolata.

Il nome dello sfincione deriva molto probabilmente dal greco spòngos, ossia “spugna”, che indica appunto la sua caratteristica principale, cioè la sua morbidezza.

Secondo la derivazione araba, invece, il termine andava ad indicare una soffice frittella di pasta arricchita con il miele.

La leggenda narra che l’antica ricetta dello sfincione palermitano si debba alle Suore del Convento di San Vito che preparavano tale specialità in occasione della notte di San Silvestro. La ricetta originale dello sfincione preparata dalle suore, però, sembra che fosse molto più ricca rispetto a quella attuale e che comprendesse anche altri ingredienti come carne macinata, salame e piselli.

Tale ricetta, destinata principalmente al Clero, fu poi riproposta anche dal popolo con una versione più ”povera”, con acciughe, cipolla, pangrattato e formaggio. Fu poi all’inizio del Novecento che venne aggiunto il pomodoro, ingrediente caratteristico della ricetta attuale.

Altri sostengono invece che lo sfincione sia stato invece inventato dai venditori nei pressi di Porta Sant’Agata, a cui si deve comunque lo “sfincionello”, una versione più piccola e dalla forma rotonda del celebre sfincione.

 

La ricetta dello Sfincione

Ecco la ricetta per preparare a casa il celebre sfincione di Palermo.

 

Ingredienti per l’impasto

  • 500 grammi di farina (mix di farina rimacinata di grano duro e farina 0)
  • 350 ml di acqua tiepida
  • 20 grammi lievito di birra fresco
  • 5 grammi di malto
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 10 grammi di sale
  • Pangrattato

 

Ingredienti per il condimento

  • 600 grammi di pomodoro pelato a pezzettoni
  • 5 filetti di sarde salate
  • 200 grammi caciocavallo fresco
  • 200 grammi di caciocavallo grattugiato
  • Sale q.b
  • Origano fresco
  • 2 cipolle

sfincione Street food di palermo

Preparazione

Versare la farina in un contenitore, aggiungere lo zucchero e il lievito di birra sciolto in poca acqua tiepida e mescolare. Continuare a lavorare aggiungendo poi il sale e l’olio.

Una volta che l’impasto risulta abbastanza compatto, far lievitare per circa 2 ore.

Preparare quindi il condimento, rosolando la cipolla tagliata a fette con olio di oliva e acqua per circa 10 minuti.

Una volta fatta appassire la cipolla, aggiungere il pomodoro pelato e fare cuocere per almeno 20 minuti a fuoco basso. Condire il tutto con sale e origano.

Spolverare una teglia con pangrattato e stendervi la pasta, che dovrà avere un’altezza di almeno 1 centimetro.

Mettere sopra all’impasto le sarde salate a pezzetti, le fette di caciocavallo fresco e infine coprire il tutto con la salsa di pomodoro.

Aggiungere infine il caciocavallo grattugiato su tutto l’impasto e uno strato finale di pangrattato da pressare leggermente con un cucchiaio per fargli assorbire il condimento.

Per ultimo, aggiungere un filo d’olio sul condimento e far riposare per ulteriori 30 minuti. Infornare ad una temperatura di 250 gradi per circa venti minuti.

 

Vuoi conoscere storia, ricetta e curiosità del cannolo siciliano? Clicca qui!

Se sei in Sicilia e vuoi assaggiare le specialità locali nei migliori posti, prova il nostro tour Street food a Palermo!

Buon appetito!

SHARE
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
DANIELE

DANIELE

Genovese, laureato in Economia e appassionato di marketing, è il fondatore di Do Eat Better. Ama viaggiare e scoprire nuovi luoghi e città con gli occhi e il gusto dei "Locali".

CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

SU DI NOI

Abbiamo creato fantastici food tour e esperienze gastronomiche che vi immergeranno nella cultura gastronomica locale. Piatti tipici serviti in diversi ristoranti a cui la città fa da sfondo.

SEGUICI

ULTIMI POST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *