fbpx

LA PASTA ALLA CARBONARA: RICETTA E CURIOSITA'

La pasta alla Carbonara è uno dei piatti italiani più apprezzati in tutto il mondo e rappresenta l’emblema della cucina romana.

Ma se vi dicessi che la pasta alla carbonara non è un’invenzione 100% italiana, come si crede?

La storia della pasta alla carbonara ha infatti origine nel periodo della seconda Guerra mondiale: si narra infatti che i Soldati americani in quel periodo si trovassero nelle zone tra tra Lazio, Molise e Campania ed ebbero modo di assaggiare la pasta “Cacio e ova” abbruzzese.

La storia narra che i Soldati americani, nostalgici della loro terra, unirono a tale ricetta anche il guanciale e la pancetta affumicata per replicare gli ingredienti classici della colazione Americana.
Così, unendo tutti questi ingredienti, nacque la pasta alla carbonara.

Erano i sapori che ricordavano “casa” ai soldati e i romani adottarano subito la ricetta, che poi venne tramandata di famiglia in famiglia.

rome food tour

Per quanto riguarda il nome Carbonara, secondo una delle teorie più accreditate il nome carbonara è collegato alla presenza del pepe nero macinato che nella ricetta tradizionale dovrebbe annerire la pasta al punto da farla sembrare ricoperta da polvere di carbone.

Altri ritengono invece che il nome derive dai boscaioli che lavoravano sugli Appennini raccogliendo la legna per farne carbone.

Esistono però altre numerose versioni che vengono tramandate a proposito dell’origine del nome carbonara.

I romani sono molto attenti alla preparazione della vera carbonara e prima di elencare gli ingredienti e la modalità di preparazione, è bene precisare alcune regole per preparare una pasta alla carbonara a regola d’arte:

  • La pasta dovrebbe essere lunga: quindi via libera a bavette o bucatini, ma per andare sul sicuro e non sbagliare, l’ideale è scegliere gli spaghetti. Sono comunque accettati anche altri formati di pasta.
  • Utilizzare sempre il guanciale, meglio se di Amatrice (non usare ne’ la pancetta nè il bacon)
  • Usare solo il pecorino (romano). Niente parmigiano.
  • L’uovo non va cotto. Bisogna evitare l’”effetto frittata”, ovvero evitare che l’uovo venga aggiunto alla pentola finchè è sul fuoco.
  • Niente aglio e niente cipolla
  • Niente peperoncino
  • Non usare altre spezie al di fuori del pepe
  • Niente panna

pasta carbonara rome

 

Ingredienti della pasta alla carbonara

  • 3 tuorli
  • 80 grammi di guanciale
  • 1 cucchiaio abbondante di pecorino grattugiato
  • q.b. di pepe in grani da macinare

 

Preparazione

In una ciotola sbattere i tuorli con una frusta per un paio di minuti, aggiungere poi il pecorino e il pepe e sbattere per un altro minuto. Tenere poi la crema da parte.

Tagliare il guanciale a listarelle e rosolarlo in padella, partendo con la fiamma molto bassa in modo da espellere il grasso e poi alzando la fiamma fino a quando il guanciale non diventa croccante.

Cuocere la pasta in acqua poco salata, tenere da parte mezza tazza di acqua di cottura e scolare la pasta al dente.

Aspettare 30 secondi in modo che la pasta si raffreddi leggermente e versarla poi nella padella con la crema di uova e mescolare velocemente, unendo anche il guanciale. Se l’uovo viene a contatto con una temperatura superiore ai 75°C, infatti, si cuocerà molto in fretta, addensandosi e rovinando la carbonara perfetta.

Aggiungere eventualmente, se necessario, l’acqua di cottura poco alla volta fino a raggiungere il grado di cremosità desiderato.

E’ importante mescolare velocemente e bene in quanto il segreto delle cremosità della carbonara è anche quello😊

Il tocco finale è l’aggiunta di altro pecorino grattuggiato a fresco e un ulteriore pizzico di pepe.

Vuoi provare l’originale pasta alla carbonara e tanti altri piatti della tradizione in uno dei locali più frequentati dai romani? Prova il nostro tour gastronomico a Roma Trastevere!

Ti aspettiamo e buon appetito!

 

 

SHARE
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
DANIELE

DANIELE

Genovese, laureato in Economia e appassionato di marketing, è il fondatore di Do Eat Better. Ama viaggiare e scoprire nuovi luoghi e città con gli occhi e il gusto dei "Locali".

CONDIVIDI
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin

SU DI NOI

Abbiamo creato fantastici food tour e esperienze gastronomiche che vi immergeranno nella cultura gastronomica locale. Piatti tipici serviti in diversi ristoranti a cui la città fa da sfondo.

SEGUICI

ULTIMI POST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *